Quaderno delle mie Letture

Per incentivare l’abilità della scrittura e importanti abilità trasversali quali la capacità metacognitiva, ossia la capacità di riflessione sulle letture svolte, capacità di concentrazione e creativa ho pensato di promuovere l’attività di compilazione di un quaderno, in cui siano presenti le informazioni essenziali sui libri preferiti dagli studenti, con l’aggiunta di commenti, disegni, ritagli e tutto ciò che ogni studente ritiene opportuno.

Ad esempio, si potrebbe fare in questo modo.

Risultati immagini per karl brucknerKarl Bruckner, Il grande sole di Hiroshima, Giunti editore.

Genere: romanzo storico

Bruckner, (Vienna 1906 – Vienna 1982) è stato uno scrittore di narrativa per ragazzi.

Trama: Il grande sole di Hiroshima è un romanzo del 1961, ambientato all’epoca dell’esplosione nucleare di Hiroshima, del 6 agosto del 1945.  Il libro descrive la storia di Sadako e Shigeo, bambini giapponesi sopravvissuti all’esplosione nucleare (ampliare il riassunto con altre dieci righe).

Risultati immagini per fungo atomicoFungo atomico

Punti di forza: la storia dei due bimbi consente di cogliere la drammaticità dello scoppio della bomba atomica, perché i protagonisti sono due fanciulli innocenti.

Citazione: La bomba si trovava 600 metri dal suolo. Alle 8:15 era scesa di altri cento metri, quando altri apparecchi inventati dagli scienziati fecero scattare l’accensione all’interno della bomba: neuroni provocarono la disintegrazione di alcuni atomi di un metallo pesante, l’uranio 235. Questa disintegrazione si ripeté in una reazione a catena di sbalorditiva velocità, in un milionesimo di secondo e un nuovo sole si accese nel cielo, in un bagliore bianco e abbagliante. Fu cento volte più incandescente del sole, nel firmamento.

Risultati immagini per bomba atomica

Motivazione della scelta della citazione: Ho scelto questa citazione sia perché pone in evidenza la precisione del meccanismo che scatena l’esplosione, sia perché fa riflettere su come alcune scoperte scientifiche possano essere usate per scopi distruttivi e devastanti.

Inoltre, questa parte fa riflettere sul parallelo che scaturisce tra la scienza (neuroni provocarono la disintegrazione di alcuni atomi …) e la natura (un nuovo sole si accese nel cielo e fu cento volte più incandescente del sole): l’uomo dovrebbe vivere nel rispetto della natura, invece, a causa della sua sete di predominio usa tutte le armi di cui dispone, sebbene esse abbiano un impatto micidiale sugli esseri umani e il pianeta terra.